Crea sito

Il parlare dei Castelritaldesi è quello spoletino, cioè dell'Umbria storica. Risente delle forme dialettali comuni a quest'aria: epitesi di ne nelle parole tronche o monosillabiche (papane = papà, lane = là); forma apocopata dell'infinito presente (camminà = camminare, legge = leggere), spesso con la epitesi di ne (cantane = cantare); cambiamento di nd in nn (manna = manda); ng in gn (magna = mangia); ld in ll (callaia = caldaia); gl in j (paja = paglia); gio o giu in ju (Juvanni = Giovanni); la b diventa v (vella = bella); doppia z in nz (menzo = mezzo); la v e la d cadono tra due vocali (coa = coda, arria = arriva); spostamento della r da una sillaba ad un'altra (crapa = capra, drento = dentro); l diventa r se impura (mordo = molto); la g cade davanti la r (rosselle = grossette, rano = grano); uo diventa o (voi = vuoi); le u nelle finali (gattu = gatto); la u e la i nella penultima sillaba (mattuni = mattoni, quilli = quelli); articolo lu (da illum latino).

Valenti studiosi hanno operato raccolte di espressioni dialettali spoletine e qui si ripetono, limitandoci a un breve significativo.

Abburucchiatu = avvolto strettamente

Abbricòcolo = albicocca

Abbruscà = abbrustolire, tostare

Acitillo = aceto leggero, acqua acetata

Acquetta = vinello

Accrecchetane = il gallo richiama le galline

Affelatu = àfono

Aiello, Arca = madia

Allesso = lesso

Ammannitu = andato (ito) a male, ma anche: preparato

Ammannì = apparecchiare

 

Ammossare = bagnare un legno (specialmente le botti)

Ammascicà = masticare

Ániso = anice

Appettasse = far suo un lavoro

Appigitasse = raccomandarsi

Appilasse = otturarsi (spilasse = aprirsi)

Appocciane = allattare (spocciane = divezzane)

Appòle = che ce la fa

Appuschiasse = morir di sete

Aresta = uva acerba

Arca = madia

Arcoie =raccogliere

Arquira = viene in tempo

Arrapasse = lottare tra due

Arromentasse = darsi da fare

Asagnolo = matterello, spianatoio

Asseia = adesso; asseia punti= proprio adesso

Attantane = tastare

Attocciato = coccio fesso

Azzezzecane = perder tempo

Azzughero = Sughero

Bacu = acino

= bere - "bé a garganello": bere a garganella - "bé a bocca, a tonfo": bere dal fiasco - "caccià da bé": attingere il vino dalla botte

Berta = ubbriacatura

Beverone bevitore

 

Biriciancola = altalena

Biricòcolo = albicocca

Billo = tacchino

Biocca = chioccia

Boccia = bottiglia

Boe, Bovo  = bue

Boie = uova fradice

Brasciola = braciola, bistecca

Brugno, Brùgnolo = prugna, susina

Burdicasse = rovesciarsi

Burbucane = mormorare (mi burbuca la pancia)

Cajcchia = cavola

Capusturnu = testa vuota

Catana = capace borsa a tracolla

Casciu = giù di tono

Cajina = gallina

Callaro = paiolo

Capà = sbucciare

Cascio, cacio = formaggio

Cassamadia = madia

Cazzimperio = pinzimonio

Cennatoio = mattarello

Cerasa,Chiaracia, Ciriescia = ciliegia

Chiottu Chiottu = zitto zitto

Cirifischio = vinello

Ciucca = zucca

Chiavattone = disordinato

Cicurella = poco poco

Cillitti = geloni

Ciucu = piccolo

Ciucca = sbornia solenne

Cocchiara = mestolo

Cocciòle = telline

Coca Coca = richiamo per le galline

Coelle = niente

Cojone, Cojonarìa = stupido, stupidaggine

Commatte = perder tempo

Cotturu = di facile cottura

Cospi = cesti d'insalata

Crepore = noia

Cricchi = grilli

Crisu = creduto

Crescia = pizza, schiacciata

Crucchiulu = guscio di fave, noci, castagne

Curtèllo = coltello

Cucchiarone = ranaiolo

Cuccuma = bricco

Cuturone = rotolarsi cadendo

Cucciu = accovacciato

Cujturu = sacco per raccogliere era o oliva

Decchi o Decco = qui (lat. de hic)

Delli o Dello = là (lat. de hillic)

Desti o Desto = costì

Dienza = ascolto (date dienza = ascoltare)

Dindo = tacchino

Dovelle = in nessun luogo

Dorge = dolce

Dresmarino = rosmarino

Ducciulu = doccio

 

Eccheme = eccomi

Ejulu = eccolo là

Esse = sii

Esteme = eccomi (vengo)

 

Fantillu = bambino

Fasciaturo = fasciatoio

Faa = fava

Fasciòlo = fagiolo

Fiara = fiamma

Fiocca = chioccia

= fuori (sempre unito con gli avverbi di luogo: decco fò, desto fò)

Fòco = fuoco

Focone = braciere

Fornu = forno

Frigghie = friggere

 

Gregna = covone di grano

Grugnu = brutta faccia

Ganassa = mascella - "avé 'na bona ganassa": essere di buon appetito" - "magnà a du' ganasse": mangiare a crepapelle

Gènsola = giuggiola

Gradicola = graticola

Granitto = acino

Graspo = grappolo

Grasselli = sfrizzoli di maiale

Grattacagia = grattugia

'Ncitosa = antipatica

'Ncroccu = cosa o persona che non si regge in piedi

'Ngenne = dà dolore da freddo o da scottatura

'Ngignane = rinnovare un vestito, una casa

'Ngrippu = mezzo cotto

'Ngrugnasse = mettere il muso

'Iummella = un pugno di roba

Iummu = gomitolo

'Ntrociatu = infangato

Lansagnolo = matterello

Lena = legna

Lecca = ubriacatura

Levitu = lievito

Liacciola = fazzoletto dove mettere la merenda o altro

Lippichinu = attaccabrighe

Liviera zona (è piovuto verso quella liviera)

Licorizia = liquirizia

Lonza = arista

Loca = oca

Lu = il, lo

Lucciola = ulcera

Lucchìa = svogliatezza

Luia, Luiola = monachina del ceppo

Lurzane = giocare

Lustra = lucido da scarpe

 

 

Malanottu = barbagianni (anche per persona ambigua)

Marracciu = roncola

Massera = questa sera

Macinetto der caffé = macinino da caffé

Magnà = mangiare

Magnerella = stimolo continuo della fame

Mandela, Mànnola = mandorla

Manière = vinello

Mascicà = masticare

Mattara, Mattera = madia

'Mborfato = imbevuto, infuso

Merenna = pasto del mezzogiorno o poco dopo

Mesamianno = non vedo l'ora

Mète = mietere

Merancola = arancio

Merolla = midollo

Miccu = furbastro

Mijaccio = sanguinaccio

Mìscola = mescolo

Moffice = morbido + sofficie (di un dolce, ad es.)

Moccecane = mordere

Mmottaturu = imbuto

Mosciarella, Mondarella = castagna secca

'Mpastoiata = minestra di legumi con polenta

Mucido = ammuffito

Muccicu = morso, boccone

Murricchi = foglie per bestiame

Mucore = muffa del vino

Mullica, Mujica = mollica

 

Nardu = alto

'Ncemmale = passabile

'Nco = anche

'Nciuccasse = ubriacarsi

Nertu = erto

Nicco, Niccaccione = ghiotto

Nocchie = nocciole

'Nsalata, 'Nzalata = insalata

'Ntrisa = crusca

Ógne = ungere

Ome = uomo

Onne (all') = pencolare (di un ubriaco)

Óo, Ovo = uovo

Orcio = brocca

Ovarola = venditrice di uova

Pacinu = luogo a tramontana

Pampoie = frasche con foglie

Paella = padella

Pane = pane - "pane callo": pane ancora caldo - "pane tosto": pane duro

Panicócoli = cialde

Papana = anitra

Passabrodo = colabrodo

Peacchie = orme

Perdaeri, Perdero = davvero

Peccia = chioccia

Pèquora, Pièquora = pecora

Persico = pesca

Piozzu = zeppo da infiggere in terra

Picchietto = vinello

Pigna, Pignatta = pentola

Pimpuli = fichi secchi

Pistarello, Pestello = mortaio

Portogallo = arancia

Pobbè = non c'è male

Porcaria = filmine

Possu = dopo, dietro (lat. post.)

Pottu = ragazzino

Podèsse = può darsi

Poventa = di animali che si spaventa

Presciutto, Prisutto = prosciutto

Préci (mandar) = mandare a male

Prescia = fretta

Prolicu = chiaccherone, che vuol sempre ragione

Pulla = gallina

Punillu = manciata

Pusigno = "fa' un pusigno": mangiare dopo aver già pranzato per pura ghiottoneria

 

Quillu, Quissu?, Quistu = quello, quale?, questo

Quaia = quaglia

Quajo = caglio

Quartarone = misura di vino, corispondente alla quarta parte di un ettolitro

 

Racanacciu = ramarro

Ramaccia = gramigna

Rancicane = graffiare del gatto

Ranuschia = grandine

Raìce, Raganello = ravanello

Ransagnolo, Rasagnolo = mattarello

Raspato = vinello leggero

Rattacascia = grattugia

Resto = agresto

Rippiu = convolvolo

Ricolizia, Rigulizia = liquirizia

Rognicane = borbottare del cane

Rosechella = ultima parte del pane o del formaggio

Rosselle = grossette (delle scarpe)

Ròccia = ciambella

Rugane = sgridare

gola = rughetta

Ruscioli = triglie

Saccio = so

Salà = salare

Saletta = saliera

Saracca = sardella, acciuga

Sardamirelli = budelli di maiale conditi e seccati al fumo

Sarvietta = tovagliolo

Sbannella = bannella

Sbrenca = ragazza leggera, superficiale

Sbriscicane = scivolare

Sbrollare = sfrondare le frasche

Sbrolletta = nasetto per chiudere la finestra

Sborgna, Sventola, Squaracognola, Scuffia, Slenza  = ubbriacatura

Scalampa = cessa la pioggia

Scapane = dividere due litiganti

Scardazzatu = spettinato

Scarsiatu = sporco negli occhi, ma anche trascurato

Scella = ala

Scì, Scine, Poscibè  = si

Scintu = seduto

Sciorna = stupida (di ragazza), trasandata

Sciuccu = asciutto

Sciuerta = stupidina

Scorocciasse = rompere tra fidanzati

Scoppacciu = brutta caduta

Screcchiane = scricchiolare

Scucchia = mento (lungo)

Scartoccio = pannocchia

Schiumarola = mestolo per schiumare

Scialito, Scialato = vino sciapito

Sciapo = insipido

Sdigghjunittu = piccolo pasto del mattino

Sellero = sedano

Semmola, Simmora = semola

Semmolino, Semmolella = semolino

Sfantazzasse = bagordare

Sfionca = batte (l'acqua a dirotto)

Sfrantu = delicato (di persona)

Sfruncolane = lanciare lontano

Sgommarello = ramaiolo

Sganghino = ganghero

Sguillane = scivolare

Sgrugnatu = scorticato

Simbara = semola

Spiazzino = venditore ambulante

Spicciasse = pettinarsi

Spitissera = spiritosa (di ragazza)

Stricchinitu = mal ridotto (di persona)

Strillicciane = aggredire e ridurre a mal partito

Tamanto = grandissimo

Tarina = zuppiera

Tentellane = muovere (del dente)

Tistu = codesto

Tìa, Tega = baccello

Toppa = zolla

tero = pannocchia

Tricane = durare (di una faccenda)

Trillare = girare

Trofio = torbido (del vino)

Troa' locu = stà fermo

Tremeschino = rosmarino

Truzzoli = sfrizzoli di maiale

Turturu = bastone nocchioruto

Ua = uva

Ubbieta = barbabietola

Vaco = acino

Vassallu = scavezzacollo (bambino che ne combina)

Vellegnà = vendemmiare

Vellemmia = vendemmia

Venacci = vinacce

Vertacciu = stomaco della gallina

Viccutillu = dolce pasquale per i bambini

Vincìa = ramo di salice

Viru = tacchino

Vino = vino - "vino roscio": vino rosso - "vino scartato": vino chiaro

Vracalacciu = pizzetta in padella con olio

Vrecca = sassolino

Zezzecca = bambino diavoletto

Zecca = rametto - "zecca de dresmarino": rametto di rosmarino

Zozza = minestra troppo cotta