Crea sito

IL CASTELLO...dal libro: a Castel Ritaldi - tra storia, arte e poesia di Mario Tabarrini (1954)

È il punto più elevato del comune, che qui tocca quota 468. I campanili del paese svettano, ma le torri castellane non più, non tanto per il logorio del tempo, quanto per la mano deleteria dell'uomo.


Dovette essere insediamento assai antico, come si vede dalla pietra riportata sopra l'architrave della chiesina della Madonna della stelletta in paese. Il castello, le cui potenti linee sono quasi scomparse nel giro di appena una ventina di anni, era del sec. XIV, forse del tempo dell'Albornoz (ca. 1365).


C'erano almeno tre lati ben conservati, con la casa del corpo di guardia cinquecentesca intatta. È ora stata azzerata per far posto ad una casa moderna. Si entra nel castello, gremito di casette, attraverso una porta con un basso arco di pietra, accanto alla quale è una torre robusta quadrata, trasformata in campanile ab antico. Altre due torri erano a nord, rotonde.

A sinistra della porta un grosso palazzo, forse quello baronale, in ottimo stato. 

il castello ha pianta circolare con un diametro di circa 150 metri e presenta case con strutture e archetti rinascientali. Le case sono stipate e in notevole degrado e manomissione.