Crea sito

SEMPER FIDELIS

Tendenza degli ultimi anni, da parte delle coppie prossime al Matrimonio, è la realizzazione di Matrimoni a tema, uno su tutti, quello in stile Medioevale.

Si tratta di una scelta dettata da gusti e passioni personali legate principalmente all'interesse per la storia, i simbolismi, la magia, il mistero ed il romanticismo.

La location ideale per questo stile è chiaramente il castello: possibilmente caratterizzato da sale a volta in pietra;

importante sarà cercare di mantenere inalterato l'ambiente.

La celebrazione del rito in stile Medievale non ha valore legale ne religioso, tuttavia può essere realizzata in seguito alla cerimonia in municipio o in chiesa. Sarà quindi un "Notaro" che, in abiti medievali, donerà agli sposi una pergamena con il rito matrimoniale in scrittura gotica ed amanuense con fregi e colori tipici di quell'epoca.

Di norma anche gli invitati dovrebbero indossare abiti storici, noleggiandoli presso negozi specializzati o associazioni che si occupano di rievocazioni storiche.

Gli Sposi in particolare dovranno avere abiti molto simili a quelli autentici:

la Sposa dovrà abbandonare l'idea dell'abito bianco, e si vuole essere fedeli alla tradizione, ma spazia dall'avorio, all'écru, al blu o al bordeaux, in quanto questi colori erano simbolo di ricchezza e nobiltà (il blu in particolare simboleggiava la purezza e castità), il tessuto dell'abito nuziale, possibilmente,  deve essere di velluto. Il colore bianco dell'abito risale alla fine dell'ottocento, è una tradizione molto recente! Mentre lo Sposo indosserà calzamaglia, giubba e scarpette e/o in rari casi con l'armatura! Gli invitati potranno invece scegliere tonalità del rosso bordeaux e verde bottiglia con inserti color oro. Il banchetto (a ferro di cavallo) sarà caratterizzato da cibi tradizionali tra cui tacchino, carne di cervo o montone, serviti su piatti e stoviglie in legno, accompagnati da vino, birra e idromele.

Ad intrattenere il banchetto interverranno menestrelli, saltimbanchi e mangiafuoco, con l'immancabile "menestrello di corte".

Al termine dell'evento ciascun invitato accenderà la sua fiaccola e regalerà agli Sposi una candela in segno di Amore eterno che li accompagnerà tutta la vita.

CONTACTS ET INFORMATIONEM

Cavalieri e Dame che vogliono percorrere un cammino di rettitudine per abbracciare il giuramento di fedeltà e lealtà davanti a Nostro Signore Gesù Cristo...sposarsi e incoronare con canti di gioia, l'Amore tanto desiderato nella vita. Un amore basato su sani principi e valori... .

AMORE È ALCHIMIA

L'amore è l'essenza della vita,

alchimia per il cuore, nutrimento per l'anima

ma al contempo conservare il bambino che è in noi.

Ma ora se cliccate con il puntatore del mouse sul Titolo sottolineato (Contacts et Informationem), si aprirà davanti ai vostri occhi, una pagina dove troverete Contatti e Informazioni per quanto riguarda il Matrimonio e molto altro ancora perchè la Vita è ricca di meraviglie e ricchezza da scoprire lentamente, aprendo cuore e anima.

Perchè spesso si osserva con indifferenza tutto ciò che ci circonda intorno a noi comuni mortali...impariamo a donare senza chiedere nulla in cambio...Amore, Armonia e Rispettare in tutte le sue sfumature la donna che si ama e le creature di Dio. Non abbiate Paura Mai !

La Vita è un onda di stupore e non c'è niente di più importante della Speranza e Carità.

Dame e Cavalieri, desidero consigliarvi una location di alto livello per coronare il vostro sogno costruendo una fortezza d'amore. Avete mai pensato di sposarvi in ville rinascimentali, castelli e fortezze medievali, antichi palazzi nobiliari, cascine, masserie e borghi medievali?

Se è un SI, allora visitate Residenze d'Epoca!

Un esempio, è il bellissimo CASTELLO DI MONTERONE, si trova immerso nel verde, a tre chilometri dal centro storico di Perugia. Nato come sede militare lungo la via principale che collegava Perugia a Roma, è ora un luogo di accoglienza e di pace.

Le ampie terrazze, la biblioteca, la piscina scoperta con idromassaggio, la piccola ma accogliente area benessere sono solo alcune delle occasioni di relax che offre il Castello.

Le mille testimonianze della storia e d’arte presenti sulle mura e nelle stanze di questa Residenza d’epoca dell’Umbria, da scoprire ad una ad una come in una speciale caccia al tesoro, renderanno speciale il soggiorno degli ospiti.

Una suggestiva ed incantevole atmosfera per  banchetti e ricevimenti nuziali, grazie al chiostro e ai giardini. Ogni ricevimento è organizzato e curato in ogni dettaglio seguendo le esigenze del cliente, lo staff del castello vi seguirà dall’inizio fino al grande giorno, consigliandovi e proponendo idee sempre nuove per i vostri menu.

Al suo interno, ha 18 camere e il ristorante per gustare

i prodotti tipici e tradizionali dell'Umbria Medievale.

Un'altro Castello, si trova sulle colline tra Torgiano e Bettona, nel silenzio della natura dove la Dea Diana osserva i nostri passi, vediamo sorgere il CASTELLO DI ROSCIANO, che domina la valle del Tevere e del Chiascio fin da epoca etrusca. Dalle mura del Castello, possiamo goderci il piacere di un meraviglioso panorama, che spazia da Perugia ad Assisi, tra gli oliveti e i vigneti, immerso in una natura generosa e rigogliosa. Un Tramonto da sogno per donare con il cuore, le promesse d'amore. Un’esperienza unica per vivere la storia e la magia di un Castello.

AUGURI A TUTTI GLI SPOSI E AL LORO GRANDE AMORE!!!

L'Amor Cortese e la Falconeria

Nel periodo che va dall'anno Mille al 1400, la falconeria in Italia diventa la protagonista in ambito culturale, letterario e politico e si lega inesorabilmente alla figura del cavaliere, secondo il simbolismo medioevale e i rituali magici dell'epoca. La falconeria non è più solo un tipo di caccia, ma anche un modo di vita, un fenomeno "culturale" che per cinquecento anni, avrebbe fornito una selezionata forma di piacere e di potere all'aristocrazia, e ai Re.

Per questa ragione, la falconeria è strettamente intrecciata a tutti gli aspetti della vita e della cultura medievale ed i suoi temi furono illustrati in tutte le arti, dalla pittura alla letteratura. In un epoca dove le donne non potevano studiare ed erano limitate nelle loro azioni, era comunque permesso loro di praticare la falconeria perché collegata all'AMORE CORTESE. L'omaggio di un rapace ben addestrato era considerato un dono di grande valore. Ne abbiamo un esempio in alcune storie di amore cortese dove la dama, prima restìa ad accettare la corte di un cavaliere, accetta di fidanzarsi con lui dopo il dono di uno splendido falcone. Diventando così parte della dote nuziale.

Il Falconiere è una persona che deve avere una sensibilità spiccata e riuscire ad interpretare i più piccoli comportamenti dei suoi animali acquistando la loro fiducia con tempo e dedizione nonché percepire il più piccolo stato di malessere, deve anche fare molte rinunce e sacrifici perché i risultati si ottengono solo con metodica costanza e continuità.

Cacciare con il falco divenne ben presto uno status-symbol: se l'aquila reale era riservata all'imperatore, il girifalco lo era al re, mentre il falcone gentile (la femmina del falco pellegrino) era destinata al principe; alla dama lo smeriglio, il falco lanario al nobile di campagna… .

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Amor Cortese In Rima Poetica

LA ROSA

La cingo e l`ammiro nel gioco d`Amore
la sfioro e l`osservo svestita in pudore
spirale di seta nel rosso di spire
ne colgo l`essenza che emana calore

 

l`osservo e mi cullo ancor nel suo dire
passione sincera di spine or passate
magia di un sospiro qual mille parole
mia pura rugiada di labbra adorate

 

esteta di quel che lei sola può dare
m`accingo a sfiorare i dischiudersi lento
petali in dolce armonia per sognare
lei rosa per sempre a sancir ciò che ho dentro.

CHI SEI TU!

Il mio cuore
sarà per te un forziere
in cui racchiuderò anima e
corpo che per te saran ristoro...

Dolce mio segreto in cui mi rifugio
presidiato dal tuo sguardo che ha
il calore della tua voce...

Dimmi chi sei tu che al mio cuor
togli il respiro, smarrendo la mia
anima nei tuoi occhi disarmanti e persi...

Chi sei tu che tra lacrime di rugiada
diventi luce che stordisce, ma non
acceca come ciglia e pupille al sole...

Chi sei tu che vivi
senza mai fermarti l'intensità di attimi
rendendoti donna,

rendendoti mia!
 

CANTICO DEI CANTICI

Una voce! Il mio diletto!
Eccolo, viene saltando per i monti, balzando per le colline. Somiglia il mio diletto a un capriolo o ad un cerbiatto.

Eccolo, egli sta dietro il nostro muro; guarda dalla finestra, spia attraverso le inferriate.
Ora parla il mio diletto e mi dice:

«Alzati, amica mia, mia tutta bella, e vieni!

O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia, nei nascondigli dei dirupi, mostrami il tuo viso, fammi sentire la tua voce, perché la tua voce è soave, il tuo viso è leggiadro».

Il mio diletto è per me e io per lui. Egli mi dice: “Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perché forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la gelosia:

le sue vampe son vampe di fuoco, una fiamma del Signore!

Le grandi acque non possono spegnere l’amore nè i fiumi travolgerlo. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa In cambio dell’amore non ne avrebbe che dispregio”.

Signore, ti ringraziamo d’averci dato l’amore.
Ci hai pensato «insieme»
prima del tempo, e fin d’ora
ci hai amati così, l’uno accanto all'altro.

Signore, fa’ che apprendiamo l’arte
di conoscerci profondamente;
donaci il coraggio di comunicarci
le nostre ispirazioni, gli ideali,
i limiti stessi del nostro agire.

Che le piccole inevitabili asprezze dell’indole,
i fugaci malintesi, gli imprevisti
e le indisposizioni non compromettano mai
ciò che ci unisce, ma incontrino, invece,
una cortese e generosa volontà
di comprenderci.

Dona, Signore, a ciascuno di noi
gioiosa fantasia per creare ogni giorno
nuove espressioni di rispetto e di premurosa
tenerezza affinché il nostro amore brilli
come una piccola scintilla
del tuo immenso amore.

 ESCAPE='HTML'

ROSAMORE

Se amore fosse fiore
sarebbe certo la rosa
sapiente nel sedurre
e più a dar puntura.

 

È fior di rosa amore
anche per la corolla
con mille sfumature
come vibrante fiamma.

 

Sa gli occhi catturare
e dentro il cuore sboccia
profuma da incantare
la roccia rende morbida.

 

Se mai non hai parole
e il desiderio ha forza
le rose vai a donare
e ti faranno amare.

INESTIMABILE PREZIOSITÀ

Come inestimabile tesoro che conservo
fulgido e libero da ogni vessazione
custodisco in me la vostra preziosità
incalcolabile ai miei occhi mortali
tangibile eppur eterea nella sua bellezza
forma perfetta di alchemica magia.

Come soffio incantato che sfiora i desideri
mi attraversa le vesti, le carni, i pensieri
raggiunge quel luogo nascosto ai tanti
la sento vibrare di dolcissimi intenti
raccolgo le braccia per farne tesoro
ne bacio l`essenza poiché io vi Adoro.

 

LUNA

Per me sei come la luna,
quando sono triste la guardo e mi consola,
quando l'estate penso ai miei problemi

la guardo e rimango incantato dai suoi colori,
potessi essere un lupo

griderei il suo nome con il mio ululare.

Per me sei come la luna,
perché sei semplice e come lei

sai abbracciarmi nei momenti tristi
Se non dovesse esserci la luna


farò il giro della terra o volerò nello spazio per avvicinarmi a lei
e se proprio non dovessi riuscire in questo vivrò nel suo ricordo
attendendo di poterla rivedere ancora.

 

LA MIA LUNA

La mia luna
si specchia in te
nel fiume dei tuoi desideri,

nell'acqua limpida
dei tuoi occhi
che nei miei cercano asilo.

La mia luna
è fatta di te,
si nutre dei tuoi silenzi,

brilla nei tuoi sorrisi,
si veste di noi
al calare del buio, per scomparire nel giorno
ancora più luminosa.