Crea sito

L'ORIGINE DELLE VAITE DEL DUCATO DI SPOLETO

Il Comune di Spoleto, sembra si sia costituito tra il 969 e il 1016, la sua estensione non copriva un vasto territorio, i confini erano situati non lontano dalle sue mura, Pontebari, Corataccione, Licina, Monteluco, Pompagnano, Piano di Santa Maria, Santo Chiodo, e lungo il torrente Marroggia fino a Pontebari. La Città era formata da tutto il territorio contenuto entro le mura, il Contado era il complesso delle Ville (paesi più piccoli non fortificati) appartenenti al Comune, il Distretto comprendeva tutti i Castelli, cioè le fortezze, soggetti alla Città.


Col passare del tempo alcuni signori dei Feudi confinanti, chiesero protezione al Comune, molti castelli furono conquistati, altri acquistati, di conseguenza, crebbe l’estensione del Comune stesso. Spoleto era divisa in dodici rioni, che secondo la terminologia Longobarda, vennero chiamati “Vaite dal germanico Wai” cioè Contrada.

La città di Spoleto è stata, per molti secoli capitale di un vasto ducato Longobardo, tra i più importanti d'Italia, ed è in quel periodo che ebbero origine "Le Vaite"; esse presero il nome da palazzi, chiese o da nobili famiglie che si trovavano o abitavano nelle loro circoscrizioni.

LE VAITE DI SPOLETO

- Vaita San Giovanni (dalla Chiesa di San Giovanni, ora S. Eufemia)

- Vaita Palazzo (dal Palazzo Comunale)

- Vaita Frasanti (perchè è collocato fra la Vaita S. Giovanni e S. Benedetto)

- Vaita S. Benedetto (dalla chiesa dedicata allo stesso santo)

- Vaita Petrenga (non si conosce l'origine)

- Vaita S. Andrea (dalla chiesa che sorgeva in luogo del Teatro Nuovo)

- Vaita Filitteria (da una torre di guardia "Fhilitteria")

- Vaita Salamonesca (non si conosce l'origine)

- Vaita Grifonesca (dalla fortezza che i perugini avevano eretto in quel luogo)

- Vaita Ponzianina (da Santo protettore di Spoleto, Ponziano)

- Vaita De Duomo (dalla famiglia De Domo)

- Vaita Tirallesca (presumibilmente dal luogo ove ci si esercitava al tiro con l'arco)

 

Ogni Vaita aveva la propria autonomia e un Priore, delineato come capo della Vaita stessa,

il quale veniva eletto ogni due mesi direttamente dal popolo. 

I dodici Priori facevano capo al Podestà, che aveva poteri civili e penali ed era affiancato da dodici Consiglieri, quattro Giudici e da un Sindaco, il quale era Procuratore ed Agente;

esso aveva la facoltà di trattare ogni specie di affari.

IL PROGRAMMA DELLA DUCHESSA

Sabato 25 Agosto 2012

Ore 10.30 Visita guidata ai monumenti adiacenti il Foro Romano

Ore 17.00 Piazza del Mercato: Torneo degli Arcieri del Ducato di Spoleto

"1° Trofeo Lucrezia Borgia" partecipano le Gaite di Bevagna e le Vaite di Spoleto

Ore 20.30 Ingresso di Lucrezia Borgia al Foro Romano dalla Rocca Albornoziana

Ore 21.00 Cena Lucreziana 

(durante la cena verrà premiata la squadra vincitrice del Torneo Arcieri del Ducato)

Menù Cena LUCREZIANA

Antipasto di Salumi Nostrali e 

Bruschetta all'Olio di Frantoio

----------

Fagioli con le Cotiche

----------

Zuppa di Legumi

Lasagne Lucreziana

----------

Cinghiale al Ginepro

Cicoria Saltata

----------

Formaggi

----------

Crescionda

Frutta

PREVENDITA:

Taverna dei Duchi (Via Saffi, 1): Tel. 0743 / 40323

Negozio Storm (Via dei Gesuiti, 10): Cell. 340 / 2105876

Bar Primavera (Piazza Mercato): Tel. 0743 / 40697

 

Per Informazioni:

Ente Ducale Le Vaite di Spoleto da anni si occupa del tradizionale e unico Corteo Storico di Spoleto che ogni anno attira centinaia di curiosi e turisti nella nostra città.

per info scrivete a [email protected] oppure cercate le pagine di Facebook:

VAITE SPOLETOENTE DUCALE LE VAITE DI SPOLETO

E-Mail: [email protected] - Cell. 338 / 8442780