POLLO ALL’ARANCIA

Pollo all’Arancia

 

Ingredienti

1 bel pollo di fattoria di 1,5-2 kg; il succo di 3 arance amare oppure 15 cl di agresto (o il succo di 2 limoni diluito in 6 cucchiai d’acqua); 1 cucchiaio di acqua di rose; ½ cucchiaino di zucchero; 1 puntina di cannella in polvere e sale

Preparazione

Puliamo e svuotiamo il pollo. Saliamolo all’interno e mettiamolo in una leccarda. Arrostiamo in forno caldo, bagnando continuamente con il sugo di cottura. Quando il pollo è ben dorato e cotto a puntino, togliamolo dal forno e bagniamolo nella leccarda con il succo delle arance amare o con la miscela di agresto (o il succo dei limoni) cui avremo aggiunto l’acqua di rose, lo zucchero e la cannella. Mettiamo il pollo su un piatto da portata e serviamo accompagnandolo con la salsina recuperata dalla leccarda.

Le Arance della bella Sicilia, rappresentano il fior fiore dell’agricoltura biologica, con tradizioni vecchie da secoli… . In Francia, i poeti e cantastorie, facevano emozionare il popolo e i nobili, con racconti avventurosi di cavalieri ed esaltavano l’amor cortese ma in Sicilia, per la bellezza dei suoi frutti commuove i poeti siciliani di lingua araba come Abu-l-Hasan Alì:

Su, gioisci della tua arancia raccolta:

è presente la felicità, quando essa è presente.
Si dia il benvenuto alle guance dei rami, e sian benvenute le stelle degli alberi!
Sembra che il cielo abbia profuso oro fino a che la terra 
ce ne abbia formato delle sfere lucenti.

Ma l’arancia è Tenerezza, come la colonia che profuma i bimbi, è Spiritualità come nel giorno delle nozze, adornando capelli di spose che regalano fiori d’arancio alla beata Vergine, e concludendo è Carnalità, come il poeta francese Jacques Prévert recita in questa poesia con un tocco delicato di sensualità e passione:

Un’arancia sul tavolo

il tuo vestito sul tappeto

e, nel mio letto, tu

dolce dono del presente.

 

La Storia della Carne

Informazioni su Phönix

Ancorchè nell’oscuro Medioevo della mia vita, sono convinto che un Rinascimento, un’età dell’oro mi attenda prima o poi da qualche parte in un luogo e in un tempo per me speciale. Dove e quando questo non lo so. Chi può dirlo? Chi siamo noi per scagliare la prima pietra, del resto? La Felicità non è che un cessate il fuoco nella Guerra della Vita. NULLA È REALE, TUTTO È LECITO ET SEMPER FIDELIS IN NOMINE DEI!

Precedente PIPPIONI IN ISTUFA Successivo QUAGLIE RIPIENE ALLO SPIEDO